28/08/2018

Bando per i brevetti. Fino al 4 settembre.

fonte ItaliaOggi

Aperto fino al 4 settembre il bando Ue per migliorare l’uso dei sistemi di protezione della proprietà intellettuale da parte delle Pmi innovative europee. Anche in vista dell’entrata in vigore alla fine di quest’anno del «brevetto unitario Ue». Con l’opportunità di rimborsare parte dei costi associati all’uso del brevetto stesso. A disposizione risorse pari a 4,3 mln di euro. Il contributo Ue ammonta al 95% delle spese ammissibili. La Commissione ha lanciato, nell’ambito del programma per competitività delle imprese e delle pmi un bando (Prediagnostica della proprietà intellettuale (IP) e miglioramento dell’accesso alla protezione dei brevetti per innovazioni Pmi dell’Ue Csome 2017-2-03) finalizzato al miglioramento dell’accesso alla protezione brevettuale per le Pmi innovative dell’Ue.

Titolari del Seal of Excellence di orizzonte 2020. Al fine di massimizzare l’impatto, questa azione si concentrerà su Pmi altamente innovative, come ad esempio i titolari del Seal of Excellence di orizzonte 2020, che sono considerati come aziende con un potenziale particolarmente elevato di sfruttamento dei loro diritti di proprietà intellettuale. In alcuni Stati membri in cui le società Seal of Excellence non sono abbastanza numerose può essere utilizzato un altro metodo di selezione di società innovative. L’obiettivo specifico delll’invito a presentare proposte è garantire la fornitura di servizi amministrativi e di rimborso necessari in relazione all’attuazione delle azioni di sostegno da offrire alle società.

Tipologia di soggetti richiedenti gli incentivi. In particolare, le azioni di supporto forniranno un servizio di pre-diagnosi alle piccole e medie imprese innovative che possiedono il Seal of Excellence, aiutandole successivamente a presentare domanda di brevetto. Le proposte possono essere presentate da singoli richiedenti o da consorzi. Tutti i candidati devono essere persone giuridiche o entità giuridiche che formano un consorzio di due o più parti. Alcuni esempi di enti giuridiche che possono accedere agli incentivi sono: enti pubblici e privati responsabili o attivi nei settori dell’impresa, supporto aziendale o problemi connessi; camere di commercio e industria, camere di artigianato o simili; organizzazioni di supporto alle imprese; associazioni di imprese e reti di supporto aziendale; enti pubblici e privati che offrono servizi di supporto alle imprese; entità che producono profitto; enti pubblici o privati che forniscono servizi di supporto all’innovazione. Le persone fisiche non possono candidarsi.

Leggi l’articolo completo

Articoli Correlati